Ennesima risposta alla Comunità Riesina, probabilmente – di nuovo – vana!

Scritto da Ufficio di Presidenza

 Ennesima risposta alla Comunità Riesina,
probabilmente – di nuovo – vana!

Dalla “Comunità riesina nel web” continuano a giungere richieste di scuse alla comunità. Noi ripetiamo ancora una volta che non abbiamo offeso la comunità riesina. Non abbiamo mai detto che tutti i riesini sono mafiosi. Non abbiamo mai detto che Venanzio Maurici è un mafioso. Abbiamo detto altre cose, molto chiare. Abbiamo detto che vi è chi nella comunità riesina – come in altre comunità – è contiguo con la mafia e chi – come in altre comunità – è mafioso. Abbiamo parlato dei gravi reati (con molteplici sentenze definitive) di Giacomo Maurici, peraltro indicato anche in passato da Omicron (l’Osservatorio diretto da Gianni Barbacetto), quale esponente di Cosa Nostra della famiglia Maurici attiva a Genova. Recentemente citato anche nell’articolo de Il Secolo XIX sulla presenza di Cosa Nostra a Genova e Liguria in occasione della fine di quel mafioso sanguinario quale Daniele Emmanuello. Dire questo non è offendere una comunità, a meno che la comunità si identifichi in certi personaggi, ma questo non è certo colpa nostra...


Abbiamo poi indicato una parentela, quella di cugini, tra Venanzio Maurici e Giacomo Maurici. Abbiamo riportato fedelmente i dati di un indagine di un Ufficio preposto a tali verifiche [Digos di Genova su delega del pm Nanni della DDA di Genova]. Venanzio Maurici prima annuncia querela perché dicendo quelle cose abbiamo diffamato la sua famiglia e poi afferma che non è cugino di Giacomo. Non abbiamo inventato nulla e non abbiamo fatto noi quelle verifiche che non ci competono. Inoltre ci pare curiosa, oltre a quanto già detto, questa discussione per una ragione molto semplice: i parenti non li si sceglie, ce li si ritrova (anche se i ponti si possono tagliare, anche nettamente), gli amici e le frequentazioni non le si subisce, ognuno se le sceglie! Detto questo noi perché nel direttivo dell’Associazione Amici di Riesi siede (o sedeva, visto che sembra vi siano state le dimissioni in massa in protesta contro di noi) Giacomo Maurici? Perché Venanzio Maurici, che non può non conoscere bene Giacomo Maurici, e con il quale ha – a quanto si vede anche dalle foto – un buon rapporto, considerando il suo delicato ruolo di dirigente (provinciale e regionale) della Fillea-Cgil, non ha tagliato i rapporti con tale persona? Perché Venanzio Maurici, insieme agli altri esponenti della comunità riesina genovese che hanno costituito l’Associazione Amici di Riesi, non si è opposto all’entrata di Giacomo Maurici nel direttivo dell’Associazione culturale di cui era presidente? Se si tagliano i ponti, si isolano, coloro che – non certo secondo noi ma per sentenze passate in giudicato e rapporti investigativi – hanno collusioni o appartenenze con le organizzazioni mafiose, nessuno potrà mai pensare che vi siano tentativi di copertura o sostegni. Se invece si fa “scudo” e si proteggono certe persone - negando i fatti - non si trasmette certo l’idea di una “comunità” che condanna le appartenenze mafiose, come le collusioni e le connivenze. Vediamo, ora, se la questione risulta più chiara!!!




26.11.2007 – Ci risiamo… tra Riesi & Certosa - II° parte
A Venanzio Maurici non piacciono proprio i fatti e continua con le calunnie.
Ennesima risposta dalla Casa della Legalità

di S. Castiglion e E. D’Agostino


22.11.2007 – Ci risiamo… tra Riesi & Certosa - I° parte
A Venanzio Maurici non piacciono i fatti. Risposta a calunnie e diffamazioni,
rivolte alla Casa della Legalità, dalla “Comunità riesina nel Web”

[con una domanda alla CGIL e al Sindaco di Genova]
di S. Castiglion e E. D’Agostino

FacebookFacebookTwitterTwitterGoogleShareGoogleShareGoogleGoogleLinkedinLinkedinMySpaceMySpaceWindowsLiveWindowsLiveBloggerBlogger