Muro di gomma... prima a poi si sgonfia

Scritto da Ufficio di Presidenza

Regione LiguriaIl libro "Il Partito del Cemento", in modo documentato, ha squarciato il velo sul blocco di potere dei due Claudio, il Burlando e lo Scajola. Ma qui tutti fanno finta di nulla. Come se quelle cose, quei fatti, quei rapporti... quegli affari non ci fossero e non si conoscessero. Ma qualcuno inizia già a fare nuove segnalazioni che vanno ulteriormente ad integrare quel già preoccupante intreccio di potere che piega l'intesse pubblico a quello degli "amici"...


Il 13 luglio scorso abbiamo inviato via e-mail a tutti i consiglieri regionali i due capitoli integrali del libro dei giornalisti Marco Preve e Ferruccio Sansa, su Burlando e Scajola. Ma è rimbalzato sul muro di gomma. Silenzio. Abbiamo pubblicato i due capitoli on line, nello speciale sul libro-inchiesta, ma anche qui: silenzio! Qualcuno a provato anche a fare una domanda ad una trasmissione televisiva di Primocanale -sulla politica con i politici-, ma il conduttore al termine della domanda ha detto: "andiamo avanti" ed è passato ad altro, naturalmente su certe cose si sorvola!
Uomini Liberi ha distribuito 100 copie del libro gratuitamente. Ma anche qui silenzio assoluto. Anzi no, il Procuratore di Savona è intervenuto alla presentazione del libro, il 16 luglio, con un intervento contro le speculazioni che devastano il territorio, facendo rumoreggiare la sala stracolma che si domandava: ma allora perché non ha mai aperto un fascicolo ed anzi ha fatto archiviare indagini pesanti? Non si sa, è come quei tanti misteri ben custiditi nel Tempio da attenti confratelli.
Abbiamo quindi deciso di fare un'ulteriore iniziativa, oltre a collaborare per la presentazione di quel libro nei vari comuni della Liguria. In occasione della prossima seduta pubblica del Consiglio Regionale, andremo a distribuire gratuitamente copia integrale del capitolo su Claudio Burlando e gli "amici degli amici"... non tanto ai consiglieri che lo hanno ricevuto via e-mail (e poi certe cose le sanno bene!), ma anche e soprattutto ai cittadini.

FacebookFacebookTwitterTwitterGoogleShareGoogleShareGoogleGoogleLinkedinLinkedinMySpaceMySpaceWindowsLiveWindowsLiveBloggerBlogger